LGA 0 3

Da DiploWiki.

Indice

Giocare con l'Italia

Early Strategic and Diplomatic views from Rome

Di Edi Birsan - traduzione a cura di Leonardo Quirini e Giovanni Cesarini

In tutti i sistemi di valutazione delle performance di una Potenza in Diplomacy, l'Italia finisce per essere la nazione più difficile, o la seconda più difficile, da giocare (anche se va detto in tutta onestà che le distanze tra le migliori performance e le peggiori sono solitamente inferiori al 20%). A differenza della sua vicina Austria, che ha una reputazione di eliminazione anticipata o di crescita rapida, l'Italia è conosciuta per languire nella mediocrità o nella debolezza finché non riceve il colpo di grazia dall'est o dall'ovest. Troppo spesso i giocatori che controllano l'Italia si fossilizzano nell'attesa ed osservano passivamente anziché dialogare per svolgere un ruolo più decisivo nella diplomazia e nella strategia del tavolo.

Questo articolo è un rapido ripasso per lo stratega Italiano e un punto di inizio per il neofita.

Questioni diplomatiche in avvio di partita

Ogni partita è influenzata e condotta dai 7 "pezzi" intorno al tavolo: i giocatori. Comunque sia, in termini più ampi, la vista strategica della partita da Roma deve essere sviluppata esattamente come quella di ogni altra potenza. Le "Tre Grandi Domande" per la primavera del 1901 sono tanto rilevanti per l'Italia quanto per le altre potenze:

  1. Cosa succede in Galizia? Se ci sarà uno stallo, significa solitamente che l'Austria intende usare l'armata di Vienna. Le probabilità che Trieste sia libera per una mossa da Venezia sono alte e, a meno che la Germania non sia molto intraprendente, anche il Tirolo è una possibile destinazione.
  2. Cosa succede nel Mar Nero? Uno stallo fa tirare all'Italia un sospiro di sollievo poiché l'apertura più pericolosa per l'Italia è lo spostamento della flotta turca da Ankara a Costantinopoli e quindi nel Mar Egeo in autunno 1901: il segnale di un'alleanza russo-turca (Juggernaut); anche la conquista non concordata dello stesso Mar Nero da parte di una delle due potenze fornisce molte opportunità per l'Italia.
  3. Cosa accade con il Belgio? Se la sensazione è che la Francia speri di poter conquistare il Belgio, ciò significa un potenziale +3 nelle costruzioni per la Francia e un problema molto più grande di quello che potrebbe essere invece una Germania a +3. Nel caso in cui ci sia una Francia che punti a tre costruzioni, ci sono buone possibilità di spingere Inghilterra o Germania in un attacco diretto alla Francia nel 1901.

Se è l'Inghilterra quella che conquisterà il Belgio, ci sarà un buon bilanciamento ad ovest e quindi un buon incentivo per l'Italia di guardare ad est anche perchè l'Inghilterra non avrà motivi di attaccare la Francia nel 1901 se le viene già garantita la conquista il Belgio.

Ed allo stesso modo, unirsi con la Germania contro Inghilterra e Francia già accordate sul Belgio significherebbe, se l'Italia muove ad ovest, fronteggiare insieme alla Germania un'alleanza anglo-francese, cioè un due contro due senza grandi speranze di una crescita veloce. Se nessuno è sicuro o fornisce informazioni riguardo a chi conquisterà il Belgio allora hai la possibilità di intervenire ad ovest o a nord e possibilmente sperare in un sufficiente caos ad ovest per poter orientare la tua strategia ad est. Quindi, il caso più fastidioso per l'Italia è quello nel quale il destino del Belgio è sconosciuto.

Questioni strategiche in avvio di partita

La strategia è separata dalla diplomazia, in quanto solitamente avulsa dalle personalità dei giocatori e focalizzata sul bilanciamento o sbilanciamento delle nazioni/posizioni. Spesso nelle discussioni con i giocatori, si scivola in visioni strategiche della partita cercando di spingere i giocatori lungo diverse linee di pensiero. Per l'Italia, la potenza che si trova a cavallo fra l'est e l'ovest e siede proprio sopra la Grande Linea di Stallo Est-Ovest, le decisioni strategicamente fondamentali causano bilanciamento o sbilanciamento?

L'Italia non può permettersi di ignorare l'andamento strategico del gioco ed è la nazione con la più alta possibilità di essere causa della propria disgrazia. Bisogna sempre chiedersi: "Che cosa succede dopo?"

Cinque contro Due

Lo Stratega vuole sempre far parte della coalizione più forte. La coalizione più forte in avvio si ha quando nei fatti un gruppo di 5 Potenze attacca le rimanenti 2. Nei panni dell'Italia, devi domandarti "Dove sarò una volta che le 2 sono state eliminate?". Per esempio, se l'attacco in apertura è fatto contro Inghilterra e Turchia (la Caccia alle Streghe) allora l'Italia si ritroverà fra Francia e Austria molto potenziate a metà partita. Questo significa che l'italiano ha bisogno di relazioni solide con Germania e Russia così che nella successiva fase del gioco essi abbiano la scelta di dove spostare la maggior parte della loro potenza. Se il 5 contro 2 è un attacco all'Austria e alla Germania allora l'Italia ha una concreta possibilità strategica in quanto a metà fra due delle alleanze più potenti possibili al tavolo: Francia-Inghilterra e Russia-Turchia. Questo fatto mette una tremenda pressione all'Italia dal punto di vista dei momenti strategici e sulle capacità diplomatiche per rompere queste alleanze a metà partita. Spesso la caduta a metà partita dell'Italia è dovuta al fatto che essa ha abbracciato questa alleanza 5 contro 2 senza la prospettiva di trovarsi nella coalizione più forte nella seconda fase. Se l'apertura sembra annunciare un attacco alla Russia ed all'Inghilterra, dal punto di vista strategico è un vero disastro per l'Italia, poiché non ci sono spazi di conquista e la prospettiva è quella di essere la più debole delle 5 a metà partita. Perciò quando si ha la percezione che questo tipo di alleanza si sta formando, è raccomandabile che l'Italia provi a convincere uno dei suoi vicini, Francia o Austria, a non portare avanti il loro piano. Questo è probabilmente uno dei pochi casi in cui suggerirei ad un giocatore di ricoprire un ruolo attivo in una coalizione più debole.

Tre contro Quattro

E' raro che la situazione strategica all'apertura sia un gruppo di 4 potenze contro 3. Molto più comunemente ci sono due campi di battaglia dove in uno due potenze combattono contro le altre due e nell'altro due nazioni si alleano contro la rimanente. Comunque, se ti trovi nella situazione in cui c'è una mega struttura che non solo agisce come un 4 vs. 3 ma sembra essere diplomaticamente legata come un gruppo anziché un insieme di coppie, allora l'Italiano deve provare ad entrare nei 4 fintantochè non viene forzato nel gruppo di 3. Ad esempio, Russia/Turchia ed Inghilterra/Francia che decidono di piombare sulle tre potenze centrali in un solo colpo. Se la strategia di apertura sembra portare ad un gruppo di 4 potenze contro le altre 3 e l'Italia sembra doversi ritrovare in queste ultime, allora il giocatore italiano ha bisogno di dividere il tavolo in maniera tale da creare uno stallo in uno dei due cambi di battaglia e minacciare un forte sbilanciamento nell'altro. Questo tentativo di sbilanciamento porterà le potenze bloccate a fronteggiare una situazione stagnante ed essere minacciate se le potenze dell'altro lato della mappa crescono in maniera sensibile. La situazione più comune di questo fatto si ha quando Inghilterra, Francia, Russia e Turchia lavorano insieme. L'Italia può avere l'impatto più grande inviando il grosso delle sue unità in aiuto dell'Austria cosi che l'Inghilterra cresca forte con la Francia. Questa è una minaccia diretta alla Russia; aumenta le possibilità che la Russia o la Turchia si rigirino contro l'altra per rompere lo stallo ad est e permettere all'Italia di fronteggiare la Francia nel Mediterraneo per stopparla.

Coppie di Alleanze a Lungo Termine

Ecco un rapido elenco delle possibili alleanze a lungo termine per l'Italia:

la chiave di questa alleanza è che l'Austria costruisca solo armate e l'Italia principalmente flotte, elimini la Turchia e si assicuri che l'Austria sia sempre ingaggiata in combattimento con Russia e Germania. Nel momento in cui essa non sia più impegnata su uno di questi fronti scenderà sicuramente verso l'Italia del nord e nei possedimenti italiani in Turchia

questa è la mia alleanza preferita. In molti anni di gioco ho avuto il mio maggior numero di vittorie a 18 centri come Italia, con la Russia come mio alleato principale. Questa alleanza permette di conquistare Austria e Turchia in qualsiasi ordine. Le armate russe sono abbastanza lontane da scongiurare un tradimento killer nel cuore dell'Italia e la Russia ha abbastanza fronte di guerra con l'Inghilterra a nord e la Germania al centro per dare all'Italia un gran numero di opzioni strategiche da giocare.

più che un'alleanza attiva una collaborazione cuscinetto a lungo termine, con la Francia che accetta di rimanere ad ovest e l'Italia ad est. Un attacco italo-francese alla Germania non lavora mai strategicamente a favore dell'Italia.

l'alleanza più difficile da mantenere durante il gioco e molto dura da rompere a fine partita poiché spesso i turchi sono inattaccabili all'angolo. Le alleanze Turchia-Italia sono spesso molto utili per forzare le linee di stallo nelle partite con la Turchia indebolita e completamente impegnata a mantenere la linea di stallo in Russia-Romania, oppure senza flotte nel sud da utilizzare per tradire l'Italia.

può essere una divertente alleanza per l'Italiano. Dipende, come nell'alleanza con la Russia, dal riuscire ad includere altri partner all'inizio e poi lavorare sulle opzioni strategiche. L'attacco alla Francia in apertura può essere seguito dall'ingresso nell'Atlantico per aiutare la Germania contro l'Inghilterra, quando a metà partita il grosso delle forze italiane è inviato ad est per esercitare influenza sui territori austro-turchi e su chiunque sia li. Idealmente la Russia deve restare in una buona salute poiché questo terrà il tuo alleato tedesco lontano dai tuoi centri in Francia e nella penisola Iberica.

un'alleanza anticipata con essa di solito vede la Francia attaccata ed i problemi arrivare non appena l'Italia raggiunge l'Atlantico, dove l'Inghilterra non vuole vedere presenze italiane. Se l'Italia non può fare in modo che l'Inghilterra sia impegnata molto presto con la Russa e la Germania, l'alleanza con l'Inghilterra diventa un problema poiché l'Italia stessa non sarà in grado di portare pressione ad est (come invece può fare nel caso di alleanza con la Germania) ed il risultato è che spesso l'Inghilterra attacca l'Italia verso la fine della partita per assicurarsi la posizione di stallo nella penisola Iberica/Atlantico.


L'Italia ha un compito delicato di bilanciamento per la sua posizione al centro della tela strategica del gioco. La chiave di tutto è pensare sempre al futuro ed adattare la diplomazia e la tattica alle possibilità strategiche che puoi organizzare a tuo vantaggio.

In questo numero

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti