Apertura a Sud con Lappone

Da DiploWiki.
Attenzione questo articolo è ancora incompleto o richiede delle verifiche.
Sentiti libero di contribuire cliccando sul tasto modifica.
Per poter modificare questa pagina o contribuire al progetto bisogna essere utenti registrati.
Articolo di Strategia Classica
Titolo Apertura a Sud con Lappone
Titolo Originale The Lapland Southern Draw
Autore José Luis Fernández Valoni
I Pubblicazione 2003
Traduttore Vladimiro Del Sorbo
Nazioni Russia
Fonte Link all'articolo

Io sono un fan delle partite no-press, ed infatti gioco solo quelle. In questa sede non intendo discutere a favore o contro questa variante, desidero semplicemente sottolineare che questo articolo si basa sulla mia esperienza in partite mute. Alcuni o la maggior parte dei suoi contenuti possono trovare applicazione anche in partite non mute.

La Russia è la potenza con cui ho giocato di più. Questo non vuole dire che è la mia favorita. Piuttosto, la mia propensione per la Russia è un segno di frustrazione. Perché? Perché, secondo alcune statistiche, ha la più alta percentuale di vittorie. Al contrario io, invece di vincere, invariabilmente, perdo, anche giocando diverse e ben note aperture. Anche se la spiegazione più probabile è che non sono un gran giocatore tutto ciò dà l’idea che la Russia abbia vita più difficile in partite no-press rispetto alle altre Potenze.

Alla fine ottenni un “solo” con la Russia. Inutile dirlo, in sé stesso ciò non è una raccomandazione che voi dobbiate leggere questo articolo che sto scrivendo. Quel che mi ha incitato a scriverlo è che tirai fuori una apertura che può risolvere alcuni dei problemi che la Russia deve affrontare nel suo difficile primo anno.

La Russia è una potenza eccitante con cui giocare. La sua unicità non risiede solo nel fatto ovvio che è l’unica con quattro centri di partenza: la sua collocazione sulla mappa consente flessibilità e l'abilità di influenzarne ogni angolo. Io credo che il bene più importante della Russia sia che, fra tutte e sette, è quella posizionata meglio per scavalcare le linee di stallo, il più temuto fra tutti gli ostacoli sulla strada della dolce quota 18.

La situazione della Russia all'inizio del gioco, comunque, è piena di difficoltà: partire con quattro unità puo essere considerato più come una responsabilità che come un vantaggio, perché incentiva i suoi vicini ad unirsi contro il giovane orso. E paradossalmente la Russia è l'unica Potenza a non poter essere certa di una costruzione nel 1901. Per di più la pura e semplice estensione delle sue frontiere, estese dal nord al sud, rende molto difficile coordinare efficacemente tutte le unità, accentuando dunque la sua vulnerabilità agli attacchi dei suoi confinanti indipendentemente dal fatto che agiscano o meno di concerto. Il fatto che la Russia, pur essendo una potenza terrestre, abbia solamente due armate peggiora solamente le cose.

Ordinariamente questi svantaggi possono essere contrastati da una attiva azione diplomatica verso gli altri giocatori. Cosa accade in partite no-press? Quale apertura, se esiste, aiuta a superare i difetti della Russia nel 1901?

Il centro addizionale della Russia la rende la potenza con il maggior numero di possibili aperture: secondo il Library of Diplomatic Openings esistono in totale almeno 915 alternative a disposizione! Fortunatamente lo Zar non ha bisogno di provare ogni possibilità, perché senso comune e logica fanno piazza pulita di circa 9 su 10 di esse. Ed ancora restiamo con un numero abbastanza grande da provare.

A mio parere qualsiasi apertura ragionevole dovrebbe cercare di realizzare tre obiettivi:

- difendere i centri di partenza casa da possibili attacchi; - massimizzare le probabilità di conquistare uno o più centri per costruire nella fase invernale; - minimizzare per quanto possibile il rischio di alienarsi i propri vicini.

Per le ragioni delineate sopra la Russia ha vita dura a conciliare questi tre obiettivi apparentemente contraddittori.

La mia tesi è che l'apertura che ho usato [omissis] tenta di fare proprio questo. Di conseguenza ha chance abbastanza ragionevoli di riuscire:

F(StP)sc-Fin A(War)-Ukr A(Mos)-Sev F(Sev)-Rum

Secondo la Opening Library questa apertura non ha un nome e non esistono informazioni su di essa. Non è menzionata in alcun altro articolo o database che io abbia consultato (anche se sono certo che qualcuno DEVE averla usata prima di me!). In seguito venne fuori che in effetti è una combinazione di mosse della cosiddetta "sbandata lappone", Lapland Lurch, F(StP)–Fin, col Sistema Meridionale, Southern System, A(Mos) - Sev e con l’Apertura in Romania, variante ucraina, F(Sev)–Rum e A(War)-Ukr.

I meriti dell’apertura si basano sulla sua prudenza: non minaccia nessuno. Tutte le unità, eccetto la flotta meridionale, sono all'interno delle frontiere russe. Perciò la logica della Lapland Lurch si estende pure alle altre unità. Il messaggio di una Russia non aggressiva o anche amichevole viene trasmesso più efficacemente che con altre mosse. Tale apertura dunque aggiunge un significativo valore diplomatico che può essere particolarmente utile nelle partite no-press.

Come menzionato prima la Russia non può garantirsi una costruzione per il 1901, il che necessariamente significa che per conquistare uno o più centri occorre un certo grado di buona volontà da parte delle altre Potenze. Io affermo che con questo set di ordini si migliorano le probabilità di tale buona volontà. Chiaramente l’essere solo amichevoli non vi difende da vicini aggressivi: in effetti può addirittura tentarli a farla finita con voi. Dovete mostrare i denti e proteggere la vostra retroguardia.

È precisamente questa l'idea dietro A(War)-Ukr, A(Mos)-Sev, F(Sev)-Rum. Offre una difesa solida: se Turchia ordina F(BLA)-Sev, Sevastopol resta sicuramente vostra grazie ai due potenziali appoggi, mentre l’armata in Ucraina può essere utilizzata per coprire Varsavia contro qualsiasi intrusione da Galizia, Slesia o Prussia. D'altra parte, a meno che l’Austria non ordini l'improbabile A(Bud)-Rum, la Romania può quasi con certezza essere conservata per l’inverno del 1901.

Inutile dire che non sto affermando che l'apertura sia infallibile: detto semplicemente, questo, nel nostro meraviglioso gioco, non è possibile. Effettivamente ha degli svantaggi: La flotta in Romania, per esempio, non è in una posizione ideale, perché raramente può andare molto oltre. Inoltre, se l’Austria ordina un Porcospino puro, A(Vie)-Gal, A(Bud)-Rum e la Turchia F(BLA)-Ank [F(Ank)-BLA? NdT], A(Smy-Arm (la mia apertura preferita con la Turchia), la Russia probabilmente si troverà in guai seri. E tuttavia, insisto, il forte messaggio diplomatico offerto dalla Russia può battere l’Austria o la Turchia (o forse entrambe).

Invero, in quella specifica partita, nella primavera del 1901 la Germania ordinò F(Kie)-Den, l’Austria A(Vie)-Gal e A(Bud)-Rum, e la Turchia F(Ank)-BLA (ma fortunatamente non A(Smy)-Arm). Alla fine io ottenni le due costruzioni occupando sia la Svezia che la Romania. Il rimbalzo in Romania mi permise di prenderla con l'armata, e poi si stabilì un solido Juggernaut.

Una partita non è certamente abbastanza per trarre conclusioni a favore o contro una determinata apertura; detto semplicemente, ci sono troppi fattori coinvolti. C’è la speranza che queste idee possano essere utili a qualcuno che si sia stufato di iniziare il 1902 con solo quattro unità bianche!

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti